Il team diretto da Andrea Palma schiera per la prima volta il pilota bolognese originario di Cantù pronto al debutto nel monomarca Porsche il prossimo weekend: “Non vediamo l’ora di iniziare il lavoro”. Era rimasto libero il sedile di Altoè.

Tempo di novità nel team Raptor Engineering, che inizia il rush finale della Porsche Carrera Cup Italia schierando la new-entry Giacomo Barri al Mugello Circuit. Nel weekend del 4 ottobre la squadra diretta da Andrea Palma e il pilota bolognese originario di Cantù saranno insieme al via del quinto e penultimo round 2020 dopo che il sedile occupato da Giovanni Altoè era rimasto libero per questioni personali del driver veneto.

Per Barri, pilota classe 1991 con diverse esperienze in Gran Turismo ma con una sola stagione all’attivo al volante di una Porsche (nel 2012 con una 997 GT3 R in equipaggio con Alessandro Balzan nel GT Italiano), sarà l’esordio assoluto nel monomarca di Porsche Italia e al volante della 911 GT3 Cup “targata” Centro Porsche Catania del neonato team modenese.

In squadra le “motivazioni sono alte in vista di questa prima volta insieme: l’obiettivo iniziale sarà quello di ottimizzare con efficacia il lavoro che sarà svolto nei primi turni in pista per riuscire poi a ben figurare nelle due gare da 28 minuti + 1 giro”, che sul circuito toscano sono in programma sabato 3 ottobre alle 16.20 con diretta tv su Sky Sport Arena (canale 204 di Sky) e domenica alle 9.50 sempre in diretta su Sky Sport Arena e anche in chiaro su Cielo (canale 26 digitale terrestre). Entrambe le gare sono disponibili pure in diretta in HD via web su www.carreracupitalia.it .

Palma si è così espresso sull’accordo con Barri: “Arriviamo al Mugello con una sorpresa e speriamo che sia una sorpresa positiva. Giacomo è un pilota di una certa esperienza ormai, ma dovrà comunque trovare il giusto feeling con la vettura e soprattutto adattarsi. Raptor conta sul suo contributo per restare protagonista in un monomarca ultra competitivo nel quale confermiamo che chiunque voglia affacciarsi al mondo Porsche può trovare in Raptor una struttura ideale. Non vediamo l’ora di scendere in pista e iniziare il lavoro insieme”.

Barri ha quindi aggiunto sul suo esordio in Carrera Cup Italia: “Sono davvero carico e ancor più curioso. Il campionato è competitivo, il livello è alto e quindi dovremo dare il 100%. Mi sento pronto a confrontarmi ed emozionato: sarà un’esperienza importante. Da parte mia antenne alzate per cercare di apprendere il più e il prima possibile. Abbiamo un’ora di prove libere venerdì durante la quale cercherò di entrare in sintonia con la macchina, anche in relazione alla pista, che conosco bene. E’ una di quelle occasioni che capitano raramente durante una stagione, ringrazio chi mi ha dato l’opportunità e cercherò di fare la mia parte al meglio”.