Il campione 2018 è tornato nel monomarca di Porsche Italia con il passo giusto in 1’50″532 precedendo di pochi decimi Cerqui, Fumanelli e Festante, mentre Iaquinta insegue e Mardini e Bianconi primeggiano in Michelin e Silver Cup. Domani qualifiche e gara 1.

Un po’ di thrilling legato all’incognita meteo ma alla fine tutto è filato via liscio (e sull’asciutto) nell’ora di prove libere della Porsche Carrera Cup Italia al Mugello in vista di qualifiche e gara 1 di sabato. Gianmarco Quaresmini ha segnato con il miglior tempo di giornata il suo rientro in pianta stabile nel prestigioso monomarca, che ha vinto nel 2018.

Il pilota bresciano di Tsunami RT ha fatto segnare il giro più veloce in 1’50″532, limite più alto rispetto ai test, ma la pista, a sensazione un po’ di tutti, soprattutto all’inizio era un po’ sporca dopo la pioggia del mattino e quindi più lenta rispetto a mercoledì, inoltre una bandiera rossa nel finale ha “tagliato” il ritmo di alcuni protagonisti scesi in pista con Michelin nuove per simulare la qualifica.

Con crono piuttosto ravvicinati, alle spalle di Quaresmini hanno concluso la free practice Alberto Cerqui, che per AB Racing ha fatto segnare 1’50″742, l’unico insieme al leader di giornata a scendere sotto al muro dell’1 e 50 che David Fumanelli ha toccato alla prima sessione personale nella serie di Porsche Italia e con la 911 GT3 Cup del Team Q8 Hi Perform, segnando il terzo tempo.

A un soffio dal “podio” segue quindi Aldo Festante, che ha piazzato il team Ombra a mezzo secondo dalla vetta come migliore under 23 dello Scholarship Programme. Altro giovane del programma di coaching è Stefano Monaco, che alla prima uscita con Dinamic Motorsport ha completato la top-5 del venerdì un po’ più staccato.

Il campione in carica Simone Iaquinta insegue il treno dei migliori in sesta piazza in una sessione nella quale l’alfiere di Ghinzani Arco Motorsport non è riuscito a trovare il giro “pulito”. Alle sue spalle seguono Lodovico Laurini (Dinamic Motorsport), Bashar Mardini (il canadese di Tsunami RT è ottavo assoluto e al top in Michelin Cup), Nicola Baldan (Dinamic Motorsport) e l’under svedese Emil Skaras, in top-10 all’esordio con Ombra Racing.

Nella Michelin Cup, Luca Pastorelli (Krypton Motorsport)  si è fermato a 4 decimi da Mardini, precedendo gli esordienti Giovanni Altoè (Raptor Engineering), Risto Vukov (GDL Racing) e Piero Randazzo (AB Racing), terzo della categoria riservata ai gentlemen drivers.

Tra i protagonisti della Silver Cup, best lap per Stefano Bianconi con la 991 GT3 CUp gen.I di Ghinzani Arco Motorsport che condivide con Diego Mercurio.

Unico “intoppo” in una sessione che ha già fatto vedere le prime schermaglie stagionali è stata una brevissima bandiera rossa esposta nel finale per un fuoripista in ghiaia di Diego Locanto senza conseguenze all’Arrabbiata 2, con il driver di origini siciliane che poi è regolarmente ripartito.

Domani (sabato) sarà vera lotto contro il cronometro a partire dalle qualifiche, in programma dalle 9.55 alle 10.40, per finire con la prima gara stagionale dopo nove mesi di attesa: il via alle 16.00 con diretta tv su Sky Sport Arena (canale 204 di Sky) e streaming su www.carreracupitalia.it.