Il driver ufficiale del Team Q8 Hi Perform è stato il più veloce sotto i riflettori del turno che ha aperto il secondo round 2020 con il tempo di 1’35″463, inseguito a pochi decimi dall’under 23 di Dinamic Motorsport, Quaresmini e Baldan. Mardini detta il passo in Michelin Cup mentre in Silver Cup svettano Biolghini-Scarpellini

David Fumanelli mette il timbro della 911 GT3 Cup del Team Q8 Hi Perform sulle prove libere serali del secondo round della Carrera Cup Italia al Misano World Circuit. Il pilota brianzolo ha segnato il miglior crono del venerdì girando nel finale di sessione in 1’35″463, riscontro davvero interessante e di 3 decimi inferiore rispetto al “best lap” di Simone Iaquinta nei test di giovedì (disputati però con il caldo pieno del pomeriggio).

A meno di due decimi da Fumanelli si è piazzato Stefano Monaco, che a lungo aveva comandato la lista tempi. L’under 23 di Dinamic Motorsport ha “trascinato” l’attuale capoclassifica Gianmarco Quaresmini (Tsunami RT), rimasto a poco più di 2 decimi dal miglior tempo, e il compagno di squadra Nicola Baldan, forse la rivelazione più autentica della serata, quarto ad appena 3 decimi.

Leggermente più staccati altri due attesi protaognisti, con Iaquinta (Ghinzani Arco Motorsport) quinto e Alberto Cerqui (AB Racing) sesto, entrambi a 6 decimi. Attaccato al treno dei migliori sono quindi rimasti Aldo Festante (Ombra Racing) a 7 decimi e Marzio Moretti (Bonaldi Motorsport), che all’esordio assoluto ha convinto contenendo il distacco dal leader a soli 8 decimi.

A ben oltre un secondo Bashar Mardini (Tsunami RT), non una sorpresa al top in Michelin Cup, ed Emil Skaras (Ombra Racing) hanno completato la top-10 del venerdì, mentre per un solo decimo all’equipaggio Biolghini-Scarpellini (Tsunami RT) spetta la leadership serale in Silver Cup.

In una sessione piuttosto regolare si contano comunque qualche testacoda e tre brevi full course yellow, tra le quali la prima, a metà del turno, è stata causata dal forzato stop di Leonardo Caglioni, il più giovane del lotto, a causa di un problema tecnico alla curva 6 che lo ha costretto a concludere anzitempo la sessione con appena 7 giri all’attivo.

E ora tutti a nanna: sabato il programma è tutto “double face” con caldo e qualifiche dalle 11.30 alle 12.15 e gara 1 in notturna dalle 22.00 in diretta tv su Sky Sport Arena (canale 204 di Sky).