Porsche Carrera Cup Italia, Iaquinta vince gara 1 al Mugello

Porsche Carrera Cup Italia, Iaquinta vince gara 1 al Mugello

Duelli al limite ed emozioni forti hanno aperto il quarto round 2019: l'alfiere di Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano è stato promosso primo dopo le penalità inflitte a Kujala e Mosca. Sul podio della classifica definitiva anche Fulgenzi e Conwright. De Giacomi e Reggiani si aggiudicano Michelin e Silver Cup. Oggi alle 12.50 gara 2 in diretta su Cielo con Grosso in prima fila.

 

Mugello. Il quarto round della Porsche Carrera Cup Italia, di scena al Mugello Circuit, si è aperto sotto al segno delle emozioni forti e di duelli sempre più accesi nella lotta per il titolo. Dopo la pole position da record fatta segnare da Alberto Cerqui nella qualifica di sabato mattina in 1'49”790, che ha messo in luce la competitività e l'affidabilità raggiunte dalle 911 GT3 Cup, Simone Iaquinta (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) è stato dichiarato vincitore di gara 1 da una classifica definitiva stilata alla luce delle penalità di 25 secondi che i commissari sportivi hanno comminato a Patrick Kujala (Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo) e Tommaso Mosca (Ombra Racing – Centro Porsche Padova), che avevano tagliato il traguardo rispettivamente in prima e seconda posizione. Oggi (domenica) 21 luglio si disputa gara 2 del monomarca tricolore con partenza alle 12.50 e diretta tv su Cielo (canale 26 del digitale terrestre) e live streaming in HD sul sito ufficiale www.carreracupitalia.it .

 

Con Iaquinta, che con questo successo ha rilanciato le ambizioni da titolo, sul podio della classifica definitiva ci sono Enrico Fulgenzi (Tsunami RT – Centro Porsche Latina) e Jaden Conwright (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna), pure loro “promossi” dopo le penalità. La top-5 è stata completata dal capoclassifica Diego Bertonelli (Q8 Hi Perform) e da Stefano Monaco, 20enne rookie italo-svizzero autore di una convincente rimonta con la 911 GT3 Cup di AB Racing – Centri Porsche di Roma. Sesto e in pole position per gara 2 per effetto della griglia invertita ha quindi concluso un altro esordiente, Mickael Grosso al volante della seconda vettura di Ghinzani Arco Motorsport. Kujala è quindi classificato settimo: la penalty gli è stata comminata per il non rispetto della procedura di ripartenza dalla safety car, impiegata dopo che Cerqui (Dinamic Motorsport) era terminato nella ghiaia della curva Bucine in conseguenza di un contatto con lo stesso pilota finlandese, impegnato in un tentativo di attacco al pilota che in quel momento era leader della corsa. Alle loro spalle seguiva Mosca, ma nel dopogara è stato anche lui penalizzato, nel suo caso per jump start, ed è stato quindi classificato ottavo. La top-10 è stata quindi completata da Jovan Lazarevic, il rookie serbo di Duell Race per la prima volta a punti in stagione, e dal 17enne austriaco Moritz Sager (Dinamic Motorsport – Centri Porsche di Brescia), mentre Davide Di Benedetto (Ombra Racing – Centro Porsche Catania), che aveva concluso nono al traguardo, è stato a sua volta penalizzato per un sorpasso irregolare anche nel suo caso alla ripartenza dalla safety car.

 

In Michelin Cup successo in rimonta per Alex De Giacomi, undicesimo assoluto. Il gentleman driver bresciano di Tsunami RT – Centro Porsche Padova è il nuovo capoclassifica della categoria dopo che Bashar Mardini (GDL Racing – Centro Porsche Verona) ha concluso fuori dai punti a causa di un testacoda al comando della classifica di categoria ha poi approfittato del testacoda nei primi giri di gara. Alle spalle di De Giacomi, hanno completato il podio di Michelin Cup Marco Cassarà (Ombra Racing – Centro Porsche Torino) e un sorprendente Federico Reggiani, al volante di una 991 GT3 Cup gen.I di Silver Cup, quella di Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano con la quale ha quindi conquistato anche il primo posto proprio in Silver Cup, dove rinsalda la leadership in classifica.

 

La classifica di gara 1

1. Iaquinta (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) 15 giri in 30'51”971 alla media di 152,934 km/h; 2. Fulgenzi (Tsunami RT – Centro Porsche Latina) a 1”823; 3. Conwright (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) a 5”281; 4. Diego Bertonelli (Q8 Hi Perform) a 5”434; 5. Monaco (AB Racing – Centri Porsche di Roma) a 13”078; 6. Grosso (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) a 14”161; 7. Kujala (Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo) a 22”324; 8. Mosca (Ombra Racing – Centro Porsche Padova) a 24”669; 9. Lazarevic (Duell Race) a 24”989; 10. Sager (Dinamic Motorsport – Centri Porsche di Brescia) a 25”190; 11. De Giacomi (Tsunami RT – Centro Porsche Padova) a 29”030; 12. Cassarà (Ombra Racing – Centro Porsche Torino) a 29”124; 13. De Luca (AB Racing – Centri Porsche di Roma) a 35”046; 14. Mendez (Dinamic Motorsport) a 37”723; 15. Reggiani (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) a 38”432; 16. Mercatali (Team Malucelli – Centro Porsche Mantova) a 39”158; 17. Di Benedetto (Ombra Racing – Centro Porsche Catania) a 39”349; 18. Galassi (Team Malucelli) a 41”762; 19. Pastorelli (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Modena) a 52”818; 20. Laurini (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Firenze) a 56”429; 21. Berton (AB Racing – Centri Porsche di Roma) a 58”357; 22. Michaelian (GDL Racing – Centro Porsche Verona) a 1'52”158; 23. Mardini (GDL Racing – Centro Porsche Verona) a 1 giro.

Giro più veloce: il 2° di Patrick Kujala in 1'51”322 alla media di 169,616 km/h km/h.

 

Calendario Carrera Cup Italia 2019: 5-7 aprile Monza; 17-19 maggio Misano; 21-23 giugno Imola; 19-21 luglio Mugello; 13-15 settembre Vallelunga; 5-6 ottobre Misano (Porsche Festival); 18-20 ottobre Monza.