Carrera Cup Italia, Bertonelli torna al successo in gara 2 del Porsche Festival a Misano

Carrera Cup Italia, Bertonelli torna al successo in gara 2 del Porsche Festival a Misano

Esaltante conclusione del sesto round nel contesto più emozionante dedicato a tutti gli appassionati della casa di Zuffenhausen: il pilota di Q8 Hi Perform vince dopo sei mesi al culmine di un duello mozzafiato con Kujala, che resta leader nella generale. Terzo sul podio Iaquinta in rimonta. Pastorelli primo in Michelin Cup mentre Reggiani si conferma nella Silver Cup. La rincorsa al titolo sarà decisa nell'ultimo atto il 18-20 ottobre a Monza. Santoro è il campione della Porsche Esports Carrera Cup Italia.

 

Misano Adriatico. Ha vissuto un altro pieno di adrenalina la giornata conclusiva del penultimo round della Carrera Cup Italia 2019 di scena al Misano World Circuit nel contesto del Porsche Festival 2019. Nella gara 2 di domenica i grandi duelli per la rincorsa al titolo del monomarca tricolore hanno rappresentato il clou sportivo della grande festa che Porsche Italia dedica a tutti gli appassionati, ai possessori e ai fan della casa di Zuffenhausen, culminata nel pomeriggio nella grande parata sul rettilineo di partenza del circuito romagnolo, replicata dopo quella di sabato e capace di coinvolgere il numero record di 625 Porsche e i loro proprietari. Con soltanto l'ultimo round di Monza il 18-20 ottobre rimasto in calendario, la Carrera Cup Italia si appresta a vivere un finale tra i più avvincenti di sempre in conseguenza di una classifica che dopo la gara 2 di Misano vede cinque piloti racchiusi in appena 15 punti.

 

Diego Bertonelli rilancia ulteriormente le proprie ambizioni grazie al successo maturato in gara 2 al culmine di un duello spettacolare quanto corretto che ha visto il 21enne portacolori del team Q8 Hi Perform resistere agli attacchi di Patrick Kujala e vincere sul traguardo di gara 2, firmando il secondo successo personale del 2019 dopo quello colto in aprile nella gara inaugurale della stagione. Bertonelli si presenterà al gran finale di Monza staccato di soli 4 punti proprio da Kujala. Il 23enne finlandese di Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo ha conservato la leadership di campionato proprio grazie al secondo posto ottenuto alle spalle di Bertonelli, che bissa quello di sabato in gara 1. Il podio del circuito intitolato a Marco Simoncelli è stato completato da Simone Iaquinta. Ritirato ieri, il pilota calabrese di Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano è stato autore di una strepitosa rimonta da fondo schieramento, solo in parte favorita dalle due safety car impiegate durante la corsa: la prima subito dopo il via per un contatto tra il serbo Jovan Lazarevic e il libanese Habib Fadel e il secondo a metà gara per quello tra Mickael Grosso e Lodovico Laurini, costato a quest'ultimo un drive through. Iaquinta è ora terzo in classifica generale a 5,5 punti da Kujala, inseguito sempre da vicino da Jaden Conwright, solo ottavo al traguardo con la 911 GT3 Cup di Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna non in perfette condizioni dopo un contatto riportato in gara 1, e da Enrico Fulgenzi, classificatosi quarto. Il pilota di Tsunami RT – Centro Porsche Latina, vincitore sabato, aveva in realtà tagliato il traguardo in quinta posizione, ma ha “ereditato” il quarto posto dopo che nel post-gara Alberto Cerqui (Dinamic Motorsport), retrocesso quinto, è stato penalizzato di 5 secondi per un sorpasso fuoripista ai danni di Aldo Festante. Il 19enne rookie di Ombra Racing – Centro Porsche Padova scattava dalla pole position per via della griglia invertita rispetto ai primi sei di gara 1 e nei primi giri aveva mantenuto il comando davanti a Bertonelli, prima di arrendersi ai continui attacchi dei contendenti per il titolo che a mano a mano sopraggiungevano, concludendo comunque con un positivo settimo posto. Tra Cerqui e Festante si è inserito il 22enne pilota romano Francesco Massimo De Luca, autore di una convincente rimonta fino al sesto posto al traguardo con la prima 911 GT3 Cup di AB Racing – Centri Porsche di Roma, mentre il compagno di squadra Stefano Monaco, anche lui in grande recupero, ha concluso nono.

 

Decimo assoluto e vincitore tra i protagonisti della Michelin Cup è Luca Pastorelli. Il gentleman driver emiliano di Dinamic Motorsport – Centro Porsche Modena è tornato al successo dopo la penalizzazione di 25 secondi comminata a Marco Cassarà per il contatto con Bashar Mardini (finito in testacoda) dell'ultimo giro. Il portacolori di Ombra Racing – Centro Porsche Torino mantiene saldamente il comando della classifica, ma ha quindi perso il successo di gara 1 che aveva conquistato al traguardo (favorito proprio dal contatto di Mardini). Con Cassarà e il pilota canadese di GDL Racing – Centro Porsche Verona precipitati nelle retrovie, oltre a Pastorelli sul podio della Michelin Cup sono stati promossi sul secondo gradino l'austriaco Philipp Sager (Dinamic Motorsport) e sul terzo addirittura Federico Reggiani con la 991 GT3 Cup gen.I di Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano. Il pilota bergamasco, che già sabato si era assicurato il titolo della Silver Cup, ha concesso il bis vincendo la categoria di fronte alle due vetture del Team Malucelli con al volante Marco Galassi e Marco Parisini, che hanno così completato l'ultimo podio di giornata.

 

In gara a Misano sui simulatori istallati in un'area dedicata del Porsche Festival c'erano però anche i protagonisti della Porsche Esports Carrera Cup Italia, che ha eletto il campione 2019: è Danilo Santoro, il sim racer romano che nell'appuntamento finale della stagione si è così aggiudicato l'opportunità di disputare l'ultimo appuntamento della Carrera Cup Italia in pista a Monza il 18-20 ottobre al volante di una 911 GT3 Cup. A Santoro sarebbero bastati una manciata di punti per aggiudicarsi il titolo e succedere a Enzo Bonito, vincitore nel 2018 della prima edizione, nell'albo d'oro del primo monomarca virtuale parallelo a quello reale nato dalla collaborazione tra Porsche Italia e AK Informatica. Ad aggiudicarsi la tappa di Misano è stato però Giovanni De Salvo, primo in gara 1 e secondo in gara 2, che da par suo è il vicecampione 2019, davanti al terzo classificato della generale, Corrado Ciriello, che a Misano ha vinto gara 2. Il podio assoluto dell'ultimo round è stato quindi completato dal neocampione Santoro, raggiante e già focalizzato sui preparativi necessari per il suo esordio in pista a Monza. Al Porsche Festival era per la prima volta di scena sui simulatori in autodromo anche la categoria Silver del monomarca virtuale. Dopo due gare di semifinale, Niko Pasolini ha vinto il titolo (e quindi l'opportunità di vivere una Porsche Experience sulla pista di Monza) e la finalissima precedendo Ionuc Timis (2°) e Patrick Selva (3°).

 

Diego Bertonelli (vincitore gara 2):E' stata una gara sudatissima, aspettavo questa vittoria da aprile! Ho disputato una corsa molto determinata e devo fare i complimenti al team perché la macchina era perfetta. Ma devo complimentarmi anche con Kujala per la correttezza che ha caratterizzato il nostro duello. Ora siamo un po' più vicini alla vetta, dalla quale ci separano solo pochi punti. Va bene così, ci presenteremo a Monza con il coltello tra i denti per giocarci il titolo”.

 

La classifica di gara 2

1. Bertonelli (Q8 Hi Perform) 17 giri in 30'27”739 alla media di 141,503 km/h; 2. Kujala (Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo) a 0”069; 3. Iaquinta (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) a 0”435; 4. Fulgenzi (Tsunami RT – Centro Porsche Latina) a 3”019; 5. Cerqui (Dinamic Motorsport) a 6”181; 6. De Luca (AB Racing – Centri Porsche di Roma) a 9”290; 7. Festante (Ombra Racing – Centro Porsche Padova) a 10”123; 8. Conwright (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) a 11”609; 9. Monaco (AB Racing – Centri Porsche di Roma) a 14”140; 10. Pastorelli (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Modena) a 18”336; 11. Sager P. (Dinamic Motorsport) a 18”938; 12. Lazarevic (Duell Race – Centro Porsche di Bolzano) a 21”044; 13. Reggiani (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) a 21”436; 14. Mardini (GDL Racing – Centro Porsche Verona) a 31”983; 15. Laurini (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Firenze) a 32”677; 16. Galassi (Team Malucelli – Centro Porsche Mantova) a 32”963; 17. Cassarà (Ombra Racing – Centro Porsche Torino) a 42”672; 18. Guidetti (Duell Race – Centro Porsche Bolzano) a 1 giro; 19. Parisini (Team Malucelli – Centro Porsche Mantova) a 1 giro.

Giro più veloce: il di Iaquinta in 1'37”354 alla media di 156”271 km/h.

 

Classifiche dopo Misano

Assoluta: 1.Kujala p.119; 2. Bertonelli 115; 3. Iaquinta 113,5; 4. Conwright 109; 5. Fulgenzi 104.

Michelin Cup: 1.Cassarà p.88; 2. Mardini 72; 3. De Giacomi 69,5; 4.Pastorelli 38; 5. Reggiani 34,5.

Silver Cup: 1. Reggiani p.63; 2. Galassi 49; 3. Mercatali 35,5; 4. La Marca, Monforte e Rizzuto 8.

Team: 1. Dinamic Motorsport p.156; 2. Ghinzani Arco Motorsport 114,5; 3. Bonaldi Motorsport 112; 4. Tsunami RT 102; 5. Ombra Racing 79.

Esports: 1. Santoro p.130; 2. De Salvo 111; 3. Ciriello 97; 4. Amato 87; 5. Simonini 69.