Carrera Cup Italia, a Vallelunga Pera si riprende la scena in gara 2 su Fulgenzi e Quaresmini

Carrera Cup Italia, a Vallelunga Pera si riprende la scena in gara 2 su Fulgenzi e Quaresmini

Vittoria di forza del 17enne di Ebimotors, che riallunga in testa alla classifica mentre il marchigiano di Ghinzani Arco Motorsport e il bresciano di Dinamic Motorsport bissano il podio conquistato sabato in gara 1. Importante affermazione di De Giacomi in Michelin Cup. Prossimo appuntamento il 15-16 luglio al Mugello.

 

Vallelunga. E' andato in archivio con la vittoria di Riccardo Pera in gara 2 l'emozionante terzo round della Carrera Cup Italia, che tra colpi di scena, sorpassi e ritiri eccellenti ha vissuto un fine settimana infuocato (anche per il meteo) sul circuito laziale di Vallelunga. Il 17enne lucchese di Ebimotors – Centro Porsche Verona, che in gara 2 scattava terzo dopo che in gara 1 sabato si era dovuto accontentare del quarto posto assoluto al traguardo, ha presto preso il comando della corsa prima superando poco dopo il via Jonathan Giacon (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Treviso), che scattava in pole, e poi, dopo una fase di safety car, al quinto giro Daniele Cazzaniga (Ghinzani Arco Motorsport - Centri Porsche Milano), che a sua volta aveva passato Giacon nei primi metri. Lo stesso Cazzaniga veniva poi infilato dal compagno di squadra Enrico Fulgenzi (Ghinzani Arco Motorsport - Centro Porsche Latina), che fino alla fine ha poi conteso la vittoria a Pera concludendo secondo assoluto come sabato in gara 1. Scattato quinto, Fulgenzi aveva superato in precedenza pure Gianmarco Quaresmini (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna), che sul traguardo ha concluso al terzo posto bissando anche lui il podio di sabato e a sua volta aveva passato Cazzaniga.

Quest'ultimo ha dunque concluso quarto davanti a Giacon, posizione ai piedi del podio contesa a metà gara da Alessio Rovera. Nel tentativo di superare Cazzaniga, però, il 22enne varesino si è toccato con il rivale brianzolo danneggiando irreparabilmente l'anteriore della 911 GT3 Cup di Tsunami RT – Centro Porsche Padova. Costretto al ritiro, Rovera si è dovuto accontentare del punto preso per aver settato il giro più veloce della gara, come già fatto sabato, quando aveva pure conquistato pole position e vittoria di gara 1. Pera ha però di nuovo preso il largo in classifica, mentre Fulgenzi ha avvicinato decisamente la seconda posizione dello stesso Rovera.

Mentre Simone Pellegrinelli (Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo) ha recuperato dalla 17esima posizione iniziale a sesto assoluto con una bella rimonta, i protagonisti della Michelin Cup hanno completato la top-10. Settimo e vincitore della categoria riservata ai gentlemen drivers è Alex De Giacomi. Il bresciano di Dinamic Motorsport – Centro Porsche Mantova ha regolato nell'ordine Lino Curti (di nuovo sul podio di categoria per Tsunami RT – Centro Porsche Padova), Livio Selva (al secondo podio stagionale con Ebimotors – Centro Porsche Firenze) e Niccolò Mercatali (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna), decimo assoluto e quarto in Michelin Cup autore di una rimonta dal fondo dello schieramento, dove, come accaduto a Pellegrinelli, era stato costretto dal ritiro che ha caratterizzato la sua gara 1.

In Michelin Cup resta leader della classifica Ivan Jacoma. Vincitore sabato in gara 1, lo svizzero di Ghinzani Arco Motorsport in gara 2 è stato protagonista di un contatto con l'incolpevole Francesca Linossi (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Brescia) poco dopo il via. Entrambi si sono dovuti fermare e la direzione gara è stata costretta a impiegare la safety car, rimasta in pista dal secondo al quarto giro.

In tutto 18 piloti, in rappresentanza di cinque team, sono scesi in pista per la terza tappa della Carrera Cup Italia 2017, che ha di nuovo offerto uno spettacolo di sorpassi e duelli fino agli ultimi metri delle due gare, mentre si sono confermate velocissime le 911 GT3 Cup protagoniste del monomarca tricolore. Porsche Italia e lo staff della serie durante il weekend hanno anche voluto celebrare la diciannovesima vittoria assoluta della Porsche a Le Mans ottenuta la domenica precedente dopo un'incredibile rimonta. Durante un breve brindisi tutti insieme nell'imponente hospitality allestita nel paddock dell'autodromo laziale è stato proiettato un video che ha raccontato l'impresa della 919 Hybrid di Earl Bamber, Timo Bernhard e Brendon Hartley ed è intervenuto Massimiliano Cariola, direttore marketing di Porsche Italia.

 

Riccardo Pera (1°): “Oggi è stata davvero una grande gara. Volevo rifarmi e avevo una gran voglia di dimostrare che ci siamo. Questa vittoria è un risultato grandissimo per me e per tutto il team, ma il campionato è ancora molto lungo. Sono felice, speriamo di continuare così.”.

Enrico Fulgenzi (2°): “Abbiamo disputato un fine settimana sempre in crescendo. Gli ultimi affinamenti al setup della macchina hanno funzionato e in gara avevo un'auto velocissima. Prima ho infilato i miei diretti avversari e poi abbiamo fatto un bel duello con Pera fino al traguardo. Peccato un po' la safety car iniziale, forse un paio di giri in più nel finale mi avrebbero favorito”.

Gianmarco Quaresmini (3°): “Sono davvero contento anche oggi. Ho tenuto bene il ritmo di chi mi precedeva e ho gestito senza problemi gli avversari alle spalle. Abbiamo l'obiettivo di puntare sempre al podio e qui ci siamo riusciti. E' determinante la costanza nel marcare punti pesanti in un monomarca così equilibrato”.

 

La classifica di gara 2

1. Pera (Ebimotors – Centro Porsche Verona), 16 giri in 29'47”881 alla media di 131,606 km/h; 2. Fulgenzi (Ghinzani Arco Motorsport – Centro Porsche Latina) a 0”303; 3. Quaresmini (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) a 3”337; 4. Cazzaniga (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Milano) a 6”219; 5. Giacon (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Treviso) a 10”225; 6. Pellegrinelli (Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo) a 10”584; 7. De Giacomi (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Mantova) a 16”962; 8. Curti L. (Tsunami RT – Centro Porsche Padova) a 18”310; 9. Selva (Ebimotors – Centro Porsche Firenze) a 19”016; 10. Mercatali (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) a 19”391; 11. Koller (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Milano) a 26”236; 12. Curti C. (Tsunami RT – Centro Porsche Padova) a 35”994; 13. “Walter Ben” (Bonaldi Motorsport) a 1'05”937; 14. Minetti (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Roma) a 1'07”855.

Giro più veloce: il 6° di Rovera in 1'37”564 alla media di 150,731 km/h.

La classifica di gara 1

1. Rovera (Tsunami RT – Centro Porsche Padova), 19 giri in 31'17”242 alla media di 148,842 km/h; 2. Fulgenzi (Ghinzani Arco Motorsport – Centro Porsche Latina) a 2”970; 3. Quaresmini (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) a 8”090; 4. Pera (Ebimotors – Centro Porsche Verona) a 8”862; 5. Cazzaniga (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Milano) a 10”009; 6. Giacon (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Treviso) a 20”233; 7. Jacoma (Ghinzani Arco Motorsport) a 22”330; 8. De Giacomi (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Mantova) a 30”473; 9. Curti L. (Tsunami RT – Centro Porsche Padova) a 31”128; 10. Linossi (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Brescia) a 32”575; 11. Selva (Ebimotors – Centro Porsche Firenze) a 33”272; 12. Koller (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Milano) a 1'00”438; 13. Minetti (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Roma) a 1'40”537; 14. “Walter Ben” (Bonaldi Motorsport) a 1 giro.

Giro più veloce: il 3° di Rovera in 1'37”786 alla media di 150,389 km/h.

 

Le classifiche di campionato

Assoluta: 1. Pera 91 punti; 2. Rovera 74; 3. Fulgenzi 69; 4. Cazzaniga 48; 5. Quaresmini 40.

Michelin Cup: 1. Jacoma 40 punti; 2. De Giacomi 34 ; 3. Mercatali 32; 4. Curti L. 30; 5. Selva 18.

Team: 1. Ebimotors 88 punti; 2. Ghinzani Arco Motorsport 73; 3. Tsunami RT 71; 4. Dinamic Motorsport 55; 5. Bonaldi Motorsport 37.